Il dolore dopo l’asportazione del cancro al seno dura e fluttua nel tempo

Il British Medical Journal ha recentemente pubblicato uno studio condotto da un’équipe del Rigshospitalet di Copenhagen, che dimostra che fino a cinque, sette anni dopo l’intervento chirurgico di rimozione del cancro al seno, le donne continuano ad avere disagi e dolori cronici, subito dopo o a distanza anche di molto tempo.
Il chirurgo Henrik Kehlet, che ha coordinato la ricerca, spiega: «Il carcinoma mammario è la forma di tumore più comune fra le donne, con oltre un milione di nuovi casi ogni anno; il dolore è uno degli esiti a lungo termine del trattamento della malattia, che persiste dopo la chirurgia, con una frequenza compresa fra il 25% e il 60%, a seconda degli studi considerati. Il dolore di cui stiamo parlando è quello localizzato all’interno e intorno alla zona operata, e che dura oltre tre mesi dopo l’intervento. Tuttavia, nonostante la sua importanza, non esistono studi a lungo termine sull’argomento, e auspichiamo che nuovi studi approfondiscano i meccanismi che provocano questi disturbi sensoriali».
Nel 2008 e nel 2012 i ricercatori hanno inviato un questionario a tutte le donne danesi che sono state operate tra il 2005 e il 2006 di carcinoma mammario; al primo hanno risposto 3.253 donne e al secondo 2.411.
Dall’analisi delle risposte è emerso che, a seconda del tipo di intervento, il dolore persistente variava dal 22% al 53%; inoltre per una donna su tre il dolore lamentato nel 2008 scompariva nel 2012 e per una donna su sei che nel 2008 non aveva dolore, il disturbo era invece presente nel 2012.
Conclude Kehlet: «Il dolore, quindi, fluttua nel tempo, e i fattori di rischio sono la dissezione linfonodale ascellare, rispetto alla biopsia del linfonodo sentinella, e l’età inferiore a 49 anni».
Negli ultimi tre decenni la sopravvivenza a lungo termine a questa forma di tumore è arrivata a quasi l’85%, con la conseguenza che è diventata una necessità studiare e curare i disturbi sensoriali negativi, esiti del trattamento della malattia, che incidono negativamente sulla qualità della vita e sui costi sanitari. 

 

 

Fonte
Mathias Kvist Mejdahl et al – Persistent pain and sensory disturbances after treatment for breast cancer: six year nationwide follow-up study. BMJ 2013;346:f1865

Copyright © Theramex 2020

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?