Emicrania e qualità della vita sessuale femminile: non è dimostrata una relazione diretta

L’emicrania non sembra incidere direttamente sulla sessualità delle donne. La relazione tra sessualità ed emicrania sembra piuttosto indiretta, cioè riconducibile alla depressione e all’ansia secondarie all’emicrania in quanto patologia cronica che implica disabilità.   Diversi studi hanno esaminato in passato la soddisfazione e il funzionamento sessuale nei pazienti emicranici. Alcuni hanno evidenziato una riduzione della soddisfazione sessuale nelle donne emicraniche, altri una disfunzionalità in diverse aree della sessualità, sia nelle donne emicraniche sia in quelle con cefalea tensiva. Inoltre, diversi studi hanno dimostrato un’elevata incidenza di disturbi emozionali nelle donne emicraniche e con cefalea tensiva. E’ noto come depressione, ansia e disturbi del sonno abbiano un impatto negativo sulla qualità di vita sessuale. Recenti ricerche dimostrano che le disfunzioni sessuali, comuni nelle donne emicraniche, siano riconducibili a questi stati emozionali negativi, piuttosto che all’emicrania in sé e alla disabilità ad essa associata. E’ soprattutto la depressione ad avere un impatto negativo a livello delle diverse aree della sessualità, pur essendo anch’essa non correlata all’intensità e frequenza degli attacchi e alla disabilità che ne deriva. L’emicrania può influenzare il comportamento sessuale, ma non la soddisfazione, l’orgasmo e le relazioni interpersonali, né determina una maggiore incidenza di dispareunia (dolore ai rapporti). Non è risultata altresì alcuna correlazione con l’intensità e la frequenza degli attacchi emicranici, anzi, alcuni autori hanno riscontrato un desiderio sessuale maggiore nelle donne emicraniche. L’emicrania quindi non ha sulla sessualità quell’impatto negativo che hanno molte malattie croniche, come la fibromialgia o l’artrite reumatoide, per lo meno direttamente. L’effetto negativo sulla sessualità dipende soprattutto dalla presenza di depressione, che è solo in parte riconducibile alla disabilità, mentre presenta una importante componente soggettiva strettamente connessa alle abilità di coping, ovvero alla capacità del soggetto di affrontare il dolore e la cronicità. Un intervento finalizzato a migliorare la sessualità delle donne affette da emicrania, soprattutto se gli attacchi sono di elevata frequenza e intensità, non può quindi prescindere dal considerare questi aspetti, ad esempio mediante un councelling efficace, anche di coppia.  

Fonti

– Eraslan et al. The relation of sexual function to migraine-related disability, depression and anxiety in patients with migraine. The Journal of Headache and Pain 2014, 15:32 – Nappi RE et al. Sexual function and distress in women treated for primary headaches in a tertiary University center. J Sex Med. 2012 Mar; 9(3):761-9  

Copyright © Theramex 2020

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?